Mondo 2.0

Data: domenica, 28 novembre 2021 | Predicatore:
Serie: | Testo biblico: Efesini 2:10

Nel profondo del nostro cuore desideriamo molto un mondo migliore. Gesù è venuto a noi per mostrarci questo mondo migliore, il suo regno. Se Lo seguiamo, porteremo il Suo Regno (Mondo 2.0) in questo mondo.


Ho bei ricordi della prima volta che ho volato in Canada. Ed è stato doppiamente meraviglioso perché è stato subito dopo la mia scuola reclute. Sono stato subito affascinato dalla natura, dalla vastità, dalle possibilità e dalla libertà che questo enorme paese ha da offrire. Questa visita mi ha dato il grande sogno di vivere e lavorare in Canada per un po'. Era il mio grande desiderio di trasferirmi in un paese più affascinante di quello in cui sono cresciuto. Per fortuna, ho avuto il privilegio di vivere nel paese dei miei sogni per quasi vent'anni. Più o meno in questo momento, mia moglie Jocelyn si imbarca su un aereo a Kloten per portarla in Canada. 

Non sono l'unico che sogna. Tutti sogniamo qualcosa di meglio, più grande o più bello. Per alcuni, questo è una casa più bella, una macchina migliore, un lavoro brillante o semplicemente una vita senza preoccupazioni. Le statistiche mostrano che molte persone non sono semplicemente felici della loro vita attuale. Moltinon sonosoddisfatti del lorocorpo, di quello che hanno ottenuto o di come sono stati trattati. La settimana scorsa ho letto un rapporto estenuante su un giornale: gli Stati Uniti hanno un nuovo triste record - in dodici mesi più di 100.000 persone sono morte per droga. Questi 100.000 e le centinaia di migliaia o addirittura milioni di persone che fanno uso di droghe non sono soddisfatti di se stessi o del loro ambiente. Con le droghe potevano fuggire per un breve periodo in un altro mondo e dimenticare tutto. Per estensione, sono sicuro che tutti abbiamo notato che in questo mondo, o nella pelle in cui siamo, non tutto è perfetto. Le numerose discussioni su Corona lo confermano: Il nostro mondo è tutt'altro che impeccabile.

Desiderio di un nuovo mondo

Vorrei ora usare la Bibbia per scoprire com'è questo mondo che desideriamo. Nel secondo capitolo del primo libro di Mosè, sentiamo com'era questo mondo perfetto. All'inizio, Adamo ed Eva vivevano in armonia con Dio. In questa stretta relazione, Dio ha affidato loro la sua proprietà. Leggiamo:"Allora il Signore Dio prese l'uomo e lo mise nel giardino di Eden per coltivarlo e custodirlo" (Genesi 2:15 EU). A quel tempo, la gente viveva in armonia con Dio, la natura e se stessa. Coltivavano con gioia ciò che veniva loro affidato. Per Adamo ed Eva, questo non era certo un lavoro per il quale timbravano il cartellino alle sette del mattino e non potevano aspettare fino alle cinque della sera. No, è stata data loro una vocazione con la quale hanno custodito e curato ciò che era stato loro affidato con gioia e creatività. Ma solo per poco tempo hanno vissuto in questo mondo perfetto. Molti ricorderanno a questo punto la caduta dell'umanità. Adamo ed Eva furono banditi da questa bella terra. Ora dovevano lavorare duramente per il loro pane quotidiano e il morale subì un naufragio. Nel capitolo successivo leggiamo come Caino uccise suo fratello Abele. Due pagine dopo apprendiamo come la malvagità dell'uomo sia diventata così grande che Dio ha dovuto mandare un diluvio per fermare questa spirale negativa. Anche dopo il diluvio, la coesistenza era tutt'altro che armoniosa.    

Dall'inizio facciamo ora un grande salto all'ultimo libro della Bibbia. Nell'Apocalisse, il libro sul futuro, leggiamo della città sulla montagna. In questo luogo meraviglioso, dove Dio asciuga le lacrime di tutti i suoi seguaci, c'è la completa guarigione. Sarà un posto meraviglioso. In una rivelazione Giovanni vede questa nuova città dove tutti gli uomini vivono insieme in perfetta armonia con Dio. "Il trono di Dio e dell'Agnello sarà nella città (la città sul monte), e tutti i suoi abitanti serviranno e adoreranno Dio" (Apocalisse 22:3 NGÜ). In questo nuovo mondo, come si chiama la città sulla montagna, serviremo e adoreremo Dio. L'adorazione non riguarda solo le parole, è molto più grande.  

L'adorazione è tutto ciò che facciamo per onorare Dio. Possiamo lavorare in modo tale da dargli la gloria oppure no. Nel nuovo regno dei cieli lavoreremo e saremo creativi. Godremo e useremo creativamente con gioia tutto ciò che ci è stato affidato. Serviremo Dio e il nostro prossimo con entusiasmo e creatività. Questa nuova città sarà un luogo molto interessante dove vivremo insieme in gioia e armonia. Nel profondo dei nostri cuori stiamo aspettando con impazienza questo posto, stiamo bruciando per sperimentare questa città sulla montagna.

Tutto questo è molto bello, ma cosa significa per noi oggi? I cristiani ora devono tutti aspettare con ansia la morte per sperimentare questa fantastica città sulla montagna? Certamente possiamo guardare avanti, ma il piano di Dio è che noi sperimentiamo già oggi un assaggio di questa città. Dio ha mandato suo Figlio Gesù sulla terra con una missione. A trent'anni ebbe l'onore di leggere le Scritture e gli fu dato il libro di Isaia. Lo aprì nel punto in cui sta scritto:"Lo Spirito del Signore è su di me, perché mi ha chiamato e mi ha dato forza".Mi ha mandato a portare una buona notizia ai poveri. Io proclamo la libertà ai prigionieri, ai ciechi dico che vedranno, e agli oppressi che saranno liberati da ogni violenza. Proclamo loro un anno in cui il Signore mostrerà la sua misericordia. Gesù arrotolò il rotolo, lo restituì al servo della sinagoga e si sedette. Tutti lo guardavano con aspettativa. Ha iniziato: Oggi, mentreascoltatequeste parole, la predizione del profeta si è compiuta". (Luca 4:18-21 HfA). Nel libro di Isaia c'era la promessa di un re che avrebbe portato buone notizie e guarigione. Gesù ha detto dopo la conferenza nella sinagoga che Lui è quella persona. Dopo questa conferenza iniziò la sua missione ufficiale e portò la buona notizia con la guarigione a tutti. Gesù ha parlato ancora e ancora di questa città sulla montagna, come si può sentire più volte nel Discorso della Montagna. Fortunatamente, Egli non solo ne ha parlato, ma ha anche portato un assaggio di questa città sulla montagna.

Prima di morire sulla croce, Gesù disse ai suoi discepoli che era bene che se ne andasse. Ha promesso ai discepoli di chiedere al Padre di mandare l'aiutante per poter continuare la sua missione. Dio soddisfò la richiesta quando mandò lo Spirito Santo a Pentecoste. Tutti coloro che seguono Gesù ricevono questo Spirito per sperimentare la guarigione. Gesù è venuto con la missione di portare il cielo sulla terra. Ha trasmesso questa missione a noi e ci ha dato il potere dello Spirito. Come funziona esattamente? Nella parabola del seminatore, Gesù spiega come siamo potenziati. 

Il nuovo mondo in mezzo a noi

Questa parabola parla del seme che cade in quattro cuori diversi. Il seme è"Se qualcunoascoltail messaggio del regno dei cieli" (Matteo 13:19 NGÜ). La parola del nuovo regno dei cieli è sparsa nei nostri cuori. Questo seme è come un nuovo DNA che cambia il nostro cuore (metamorfosi). In un cuore sano, questo seme cresce e produce le virtù che regneranno nella città sulla montagna. Questa pianta continua a crescere e a dare frutti abbondanti. 

Gesù aveva descritto il frutto nel Discorso della Montagna. Inoltre, troviamo una lista dei frutti dello Spirito in Galati. La preghiera francescana che sentiamo nel trailer prima della predica parla anche di questo frutto. Alla fine di questa preghiera sentiamo qualcosa di molto profondo:"Chi dà riceve, chi perdona è perdonato".Chi muore nasce alla vita eterna."Per noi umani, questo non suona logico. Se dai, hai meno, se perdoni, perdi qualcosa e se muori, sei morto. A prima vista, questi nuovi valori non sembrano avere senso. Ma nel Regno di Dio si applicano altre leggi. Io lo chiamo "il regno alla rovescia". Lo Spirito Santo ci aiuta a capire e a crescere in questi nuovi valori. Un piccolo esempio sui valori capovolti: In questo mondo devi essere bella, super intelligente o lavorare perfettamente per essere amata. Bisogna lavorare per "essere amati". Nel regno di Dio, siamo amati per primi e solo da questo amore nasce il frutto.

A volte, quando sentiamo parlare di portare frutto, subito sottolineiamo: "Di nuovo, mi viene chiesto di fare qualcosa che non sono mai stato capace di fare in tutta la mia vita". La cosa affascinante del cristianesimo è che non si tratta di seguire delle regole con le nostre forze, ma che Dio ci aiuta. Gesù ha preparato la strada e il Padre ha mandato lo Spirito Santo per aiutarci. Leggiamo nelle Scritture: "È loSpirito che rende vivi; la carne non è capace di fare questo". Le parole chevi ho detto sono spirito e vita" (Giovanni 6:63 NGÜ). Gesù ha dichiarato che le sue parole, insieme allo Spirito Santo, ci rendono vivi. In Efesini leggiamo come questo seme mandato nei nostri cuori ci cambia:"Perché ciò che siamo è opera di Dio; egli ci ha creati per mezzo di Gesù Cristo per fare ciò che è buono e giusto . Dio ha preparato tutto quello che dobbiamo fare; Ora tocca a noi realizzare ciò che è stato preparato" (Efesini 2:10 NGÜ). Dobbiamo affidarci al Suo potere, la nostra volontà ci viene meno e siamo esausti. Non dobbiamo confrontare costantemente il nostro frutto con quello degli altri, altrimenti corriamo anche il rischio di diventare arroganti o depressi. Dio non si aspetta che siamo i migliori, ma che diamo il nostro meglio. Ci ha creato in modo diverso e ci ha dato compiti diversi. Con il Suo aiuto, realizziamo pienamente il potenziale che ci è stato dato.

Per concludere, vorrei riassumere: Dio porta il suo Regno dei Cieli in questo mondo attraverso i nostri cuori. Dio sta piantando un seme, un nuovo DNA, nei nostri cuori che crescerà e porterà la cultura del regno in questo mondo. Dio vuole esprimere il suo amore attraverso di noi. Nei prossimi giorni possiamo pensare a come potrebbe essere. Possiamo sognare in modo creativo come Dio, attraverso di noi, vuole portare il suo regno in questo mondo.

 

 

 

 

 

 

Possibili domande per i piccoli gruppi

Leggi il testo della Bibbia: Luca 4:18-21

  1. In quali momenti voglio fuggire in un altro mondo? Con errori, delusioni, rifiuti...
  2. Cosa vorresti che Dio cambiasse in te?
  3. Quale virtù ti viene più facile? Gioia, pazienza, generosità ...
  4. Con quale virtù rappresenta meglio Dio?
  5. Hai pensato (sognato) a come Dio vuole portare il suo regno in questo mondo attraverso di te?
  6. 10 anni dopo la tua morte, per cosa vuoi essere ricordato? Un solo ricordo.
  7. Se la nostra creatività continua in cielo, come ti piacerebbe servire/adorare Dio attraverso il tuo lavoro creativo?