Pace - una parola dell'Avvento

Data: domenica, 5 dicembre 2021 | Predicatore:
Serie: | Testo biblico: Luca 2:14

Il concetto di pace caratterizza fortemente il periodo di Avvento e Natale. Ma cosa intendiamo per pace? Una guida a Gesù Cristo, il portatore di pace, per un inizio pacifico del nuovo anno.


 

Dedico questo sermone per il 2° Avvento a un concetto veramente natalizio! Non si chiama regalo; né si chiama candela o fonduta cinese, ma semplicemente pace! Era una notte in cui un angelo annunciò la nascita del Salvatore ai pastori nel campo. Improvvisamente la notte divenne luminosa come il giorno ed essi furono circondati dalle schiere celesti che lodavano Dio e dicevano:

"Gloria a Dio nel più alto dei cieli e pace in terra a tutti gli uomini nei quali Dio si è compiaciuto" (Luca 2:14 NLB). Che messaggio: Dio è ancora contento del suo popolo. Non si sta ancora arrendendo con loro! La pace di Dio, la salvezza, è arrivata sulla terra a noi umani!

Il profeta Isaia ha parlato di questo portatore di pace per conto di Dio più di 700 anni prima dell'evento:"Perché il popolo che vive nelle tenebre vede una luce brillante. E sul popolo in una terra oscurata dalla morte brilla una luce brillante. Perché a noi è nato un bambino, a noi è dato un figlio. Sulle sue spalle poggia il dominio. Egli è chiamato: Consigliere meraviglioso, Dio forte, Padre eterno, Principe della pace.Ilsuo dominio è grande e la pace nel suo regno sarà senza fine" (Isaia 9:1, 5-6a NLB).

Erano tempi bui allora, quando Isaia era ancora un profeta. I due regni di Giuda e Israele si stavano spaccando. Il popolo fu portato in esilio. Al tempo della nascita di Gesù, era altrettanto buio in questo mondo. Gesù non è nato in una terra di latte e miele, al contrario. Caos totale tra i governanti, re egoisti, governanti brutali con molto sangue sulle mani. E non è forse altrettanto oscuro il mondo di oggi? Dove c'è ancora un paese in questo mondo che non sia oscurato dalla morte, dai morti di Corona (in tutto il mondo ci sono ben oltre 5 milioni di morti registrati di Covid); dai rifugiati che annegano nella fuga attraverso il mare fino ai molti morti di guerra?

"Perché il popolo che vive nelle tenebre vede una luce splendente..."Possiamo conoscere il portatore di pace, Gesù - la luce del mondo! La pace da Dio implica prima di tutto la riconciliazione con Dio. Gesù Cristo ha aperto la porta di ritorno a Dio per noi esseri umani attraverso la sua morte sulla croce. Attraverso la sua grazia e misericordia la nostra vita può essere resa completa! Questo è un dono molto speciale di Dio che offre ancora oggi a noi uomini! Senza questa pace di Dio, l'uomo è senza pace. A questo proposito, il profeta Isaia non usa mezzi termini:"Ma gli empi, dice il Signore, non hanno pace" (Isaia 48:22 LUT).

Nella sfera secolare, la parola pace è usata quasi esclusivamente per la risoluzione di una controversia. Si appende l'ascia di guerra per un periodo più o meno lungo. Ci sono un sacco di parole composte con pace! Accordo di pace, sforzi di pace, movimento di pace, premio Nobel per la pace, violazione della pace, ricerca di pace, discorso di pace, conferenza di pace, piano di pace, giudice di pace, pacificatore, colomba della pace, truppa di pace, negoziati di pace, fino alla pipa della pace che si fuma! Purtroppo, tutti questi sforzi spesso non sono coronati dal successo.

eirène il termine greco per la pace nel Nuovo Testamento prende in prestito pesantemente dal termine ebraico shalom nell'Antico Testamento. shalom ha un significato materiale più forte, mentre la pace nel Nuovo Testamento è fortemente spirituale e orientata verso ciò che Gesù Cristo ha fatto e continua a fare per noi uomini. La pace di Dio ha un significato profondamente esistenziale. È un dono speciale di Dio e un frutto dello Spirito Santo che abita nei credenti. Dà serenità, sicurezza e protezione. La pace è ciò che ci sostiene nei momenti di oscurità, quando il cammino conduce attraverso una valle oscura o addirittura: Quando improvvisamente l'ombra della morte cade su di noi. La pace di Dio è come un mantello protettivo di un altro mondo. Un sostegno soprannaturale quando le onde si alzano alte. Posso essere tranquillo perché Dio è vicino a me.

Nei nostri servizi preghiamo sempre di nuovo per i nostri fratelli e sorelle perseguitati. Quando leggiamo i rapporti su ciò che devono passare e soffrire, è quasi insopportabile. Condizioni terribili nelle prigioni. Lavori forzati fino al punto di non ritorno... fame, freddo, torture. Come fanno i nostri fratelli e sorelle nella fede a rimanere aggrappati a Dio in tali circostanze, a non gettare a mare la loro fede? Ho solo una spiegazione: perché sperimentano la pace che Dio dà loro come scrive Paolo in Filippesi:"Sperimenterete la pace di Dio, che è più grande di quanto la nostra mente umana possa mai comprendere. Lasua pace custodirà i vostri cuori e le vostre menti nella fede in Gesù Cristo" (Filippesi 4:7 NLB). La pace di Dio è così grande che supera la nostra comprensione umana.

Mi chiedo cosa pensa il buon Dio quando guarda noi umani in questo momento. Omikron - di nuovo una nuova variante del virus si sta diffondendo! Che tipo di misure saranno prescritte? Sei anche contento di non essere un consigliere federale?! In questo momento è di nuovo molto importante pregare molto e parlare con Dio (Abentüür Gebät il martedì). Cosa pensi, caro Dio, di tutte le cose che non vanno bene in questo mondo? Cos'hai in mente per noi?

Non so se il profeta Geremia una volta ha chiesto così. In ogni caso, una volta ricevette una notevole risposta da Dio. "Perché io conosco i pensieri che ho verso di voi, dice il Signore: pensieri di pace e non di dolore, per darvi un futuro e una speranza" (Geremia 29:11 LUT). La risposta di Dio fu un ascensore allora ed è ancora oggi un raggio di speranza per le nostre tenebre! Dio ci lascia guardare nel suo cuore e ci rivela i suoi pensieri. Non abbiamo forse il privilegio di vivere con tali promesse? Non importa quanto sia ancora buio in questo mondo, abbiamo una brillante speranza! Abbiamo un futuro!

È successo lunedì 15 novembre. Di ritorno da un trattamento nell'ospedale cantonale di Aarau, ho detto a Rosmarie: "Tu, mi sento male! Avevo gli arti doloranti, la temperatura elevata ed ero stanco come un cane! Il mio primo pensiero è stato subito: Covid! Test veloce a casa: negativo! Dopo tutto, siamo vaccinati. I documenti del test dicevano che se il risultato era negativo e i sintomi erano ancora presenti, dovevamo andare dal medico di famiglia e fare un test PCR. Non appena detto che fatto. Martedì sera ho ricevuto il risultato dal medico di famiglia: positivo! Non ci credo! Questo significava 10 giorni di arresti domiciliari! Viviamo in un bell'appartamento, ma se non ti è permesso di lasciarlo per 10 giorni, perde un certo fascino! Dal 24 novembre alle 23.59 sono di nuovo un uomo libero! L'argomento del sermone era già fissato in quel momento. Ho avuto l'impressione che Dio mi mettesse subito alla prova per vedere se avrebbe funzionato con la sua pace! Chi non vive momenti simili: Rosmarie è rimasta sempre in salute, ma poi l'oculista le ha detto che i suoi occhi avevano bisogno di un intervento di cataratta.

Improvvisamente si perde una persona cara; o si è sdraiati in un letto d'ospedale fuori dalla sala operatoria. Si incasina un esame. Avete una carenza finanziaria. Un licenziamento inaspettato. Tutti noi siamo confrontati con tempi turbolenti di tanto in tanto.

Ma il portatore di pace è qui! La pace di Dio riempie i suoi figli e crea serenità e fiducia nei nostri cuori! Chi allora deve irradiare serenità e fiducia se non noi?

Recentemente qualcuno nel gruppo della casa ci ha raccontato la seguente notevole testimonianza. Il manager di un'azienda ha notato che un cliente irradia contentezza e calma ogni volta che è presente. Un giorno il direttore dell'azienda lo avvicina:"Sono sempre così equilibrati e contenti quando ci incontrano e irradiano gioia e vigore! Da dove viene questo atteggiamento positivo? Come si fa?"La risposta del cliente è stata:"Ringrazio Dio ogni mattina per il nuovo giorno; lo ringrazio che ho potuto alzarmi sano e che mi accompagna in questa giornata. "Il capo dell'azienda lo guarda alla grande e poi dice:"Adesso lo provo e lo faccio come te!"

Non è quello che vogliamo tutti: essere esempi impressionanti che fanno venire voglia di imitarci! Noi siamo questi esempi perché Gesù vive in noi e siamo strumenti nella mano del nostro Maestro Gesù Cristo!

Ora che Francesco d'Assisi ci ha trapanato la sua preghiera per un anno, Dio ha una cassetta degli attrezzi di pace in seetal chile che è qualcosa da vedere! Lasciate che l'amore di Dio prenda vita dove e quando si diffonde il dispetto. Tu perdoni generosamente tutti coloro che ti offendono, senza metterli in ginocchio per primi! Con tutte le tue forze eviti di essere coinvolto in una lite, ma cerchi di unirti! Quando qualcuno sta lottando con i dubbi, tu combatti con loro per una fede forte. Non cercate freneticamente chi o cosa potrebbe confortarvi, ma piuttosto chiedetevi chi potrebbe apprezzare il vostro conforto in questo momento!

Vi siete sentiti a volte stretti durante questa preghiera?"Non ce la faccio, non ce la faccio proprio, sono sopraffatto!"Meraviglioso, questo è buono! Non dobbiamo dimenticare la prima frase della preghiera: Fai di me uno strumento della tua pace! Uno strumento non è mai indipendente, o un cacciavite a casa è già diventato attivo in modo completamente indipendente? Il Dio della pace ti prende in mano e fa di te il suo strumento! Quando Gesù parlò ai suoi discepoli del suo ritorno al Padre, li confortò con le parole:"Vi lascio un dono - la mia pace. E la pace che io do non è come quella che dà il mondo. Perciò non preoccupatevi e non abbiate paura" (Giovanni 14:27 NLB).

Questo dono di Gesù che abita in noi, se siamo figli di Dio, è il più grande e migliore regalo di Natale che possiamo immaginare, anche in vista di un anno totalmente sconosciuto davanti a noi.

Amen

 

 

 

 

Possibili domande per i piccoli gruppi

Leggi insieme il sermone di Gesù a Nazareth

Luca 4:16-30

  1. Cercare di descrivere la pace di Dio nel miglior modo possibile?
  2. Giovanni 14:27 menziona la pace che il mondo dà? Descrivilo anche tu. Leggete anche Geremia 12:1.
  3. Come hai sperimentato la pace di Dio in situazioni difficili o oscure? Ditevi l'un l'altro.
  4. Gesù è il portatore di pace. Matteo 10:34 è una contraddizione? Cerca una spiegazione.
  5. Qualcuno di voi ha sperimentato quest'anno come Gesù ha fatto di voi uno strumento della sua pace.
  6. Come fa la pace di Dio a rimanere attiva in te e a non ammuffire?
  7. Cosa ti mancherebbe se la pace di Dio ti fosse sconosciuta?