Speriamo di chiedere, cercare, bussare

Data: domenica, 17 ottobre 2021 | Predicatore:
Serie: | Testo biblico: Matteo 7:7-11

Chiedete - ricevete, cercate - trovate, bussate - vi sarà aperto. Ecco come Gesù descrive semplicemente la vita di preghiera. Purtroppo, questa affermazione non corrisponde molto alla nostra esperienza. Quante volte chiediamo, cerchiamo, bussiamo, ma non c'è risposta. Questo perché il più delle volte preghiamo con troppa fissazione dell'"io". Il nostro Padre in cielo vuole farci del bene e sa esattamente cosa è bene per noi. Ma prima dobbiamo riconoscere cosa dobbiamo chiedere, cercare e bussare. Non si tratta principalmente di realizzare i nostri sogni terreni, ma di entrare in relazione con Dio, chiedendogli la sua vicinanza, cercandolo e bussando alla sua porta.


Spesso perdiamo le cose, ma purtroppo non tutte le ricerche hanno successo. Gesù fa un'affermazione nel Discorso della Montagna che dovrebbe effettivamente rendere ogni ricerca di successo non appena preghiamo Dio. Il sermone di oggi riguarda questo passaggio biblico.

Venire davanti a Dio senza riserve

"Chiedete e riceverete". Cercate e troverete. Bussate e vi sarà aperta la porta" (Matteo 7:7 NLB). Quando Gesù parla qui della preghiera, cioè del parlare con Dio, e degli effetti che può avere, sembra abbastanza semplice. Chiedete e riceverete. Cercate e troverete. Bussate e vi sarà aperta una porta. Sembra troppo bello per essere vero. Se è davvero così, allora tutti i problemi, i bisogni, le preoccupazioni e le paure sono spariti. Non ho quasi nessuna preoccupazione, poi chiedo a Dio e bang, il problema svanisce nel nulla. Se dovessi perdere ancora qualcosa o se dovessi cercare qualcosa - Zack, la troverò. E se sono fuori fino a tardi da qualche parte e cerco un posto dove stare, tutto quello che devo fare è bussare a una porta, naturalmente della casa che mi piace di più, e vengo subito fatto entrare e mi viene offerto un letto. Sembra troppo bello per essere vero. Penso che suonasse lo stesso agli ascoltatori di Gesù. Così semplice?

Ma Gesù rafforza ancora di più la sua affermazione, invece di ammorbidirla come potremmo aspettarci. "Perché chiunque chiede riceve, e chi cerca trova, e a chi bussa sarà aperto" (Matteo 7:8 NGÜ). Nella prima promessa al versetto sette siamo ognuno a chiedere attivamente, cercare e bussare e riceveremo, troveremo e ci sarà aperto. Quindi facciamo attivamente qualcosa e riceviamo il risultato senza che noi facciamo nulla. La dichiarazione di Gesù nel versetto otto è completamente diversa. Chi chiede attivamente, cerca attivamente e bussa attivamente, riceve, trova e viene aperto. La preghiera descritta da Gesù ha effetti attivi e un risultato chiaro. Gesù ci chiama qui intensamente alla preghiera. Una preghiera che sia di speranza e che abbia un effetto. I seguaci di Gesù non hanno solo un buon amico in lui, ma anche un Padre celeste in Dio. Il destinatario di tali preghiere di speranza è Dio, il Padre celeste.

Nel suo sermone su questo passo biblico, Michael Herbst fa due punti sulla direzione che può prendere una preghiera a Dio. Uno è per l'ampiezza spirituale, l'altro per il cambiamento. Quando i seguaci di Gesù chiedono, cercano e bussano al loro Padre celeste, questo allarga la loro visione. Pregando Dio, stanno attivamente chiedendo cose che a loro stessi mancano, ma questo solleva il loro sguardo verso Dio. Proprio come un bambino va da suo padre per tutto ciò che lo riguarda, i figli di Dio possono andare dal loro padre e chiedergli tutto. Se si chiede a Dio, allora anche questo cambia molte cose. Da un lato, cambia la visione di certe cose, dall'altro, può anche ampliare la visione degli altri. Quando nella preghiera non si portano a Dio solo i propri bisogni, ma anche le preoccupazioni di altre persone, allora questo allarga la propria visione e cambia la percezione delle altre persone.

Per ricordare ai seguaci di Gesù quanto il Padre celeste sia buono con loro, Gesù indica il rapporto dei genitori con i loro figli. "Genitori, se i vostri figli vi chiedono un pezzo di pane, gli date invece una pietra? O se ti chiedono un pesce, gli dai un serpente? Certo che no! Se voi, che siete peccatori, sapete fare del bene ai vostri figli, quanto più il Padre vostro che è nei cieli farà del bene a quelli che glielo chiedono" (Matteo 7:9-11 NLB). I genitori si preoccupano di dare ai loro figli lo stretto necessario. Pane e pesce erano gli alimenti di base a quel tempo. Così, quando i bambini chiedono da mangiare ai loro genitori, questi non li tratteranno con una durezza inutile, per cui la pietra può stare in piedi. Sì, anche i genitori non esporranno i loro figli a nessun pericolo. Li custodiranno e proteggeranno e non daranno loro un serpente che potrebbe essere velenoso. La conclusione di Gesù porta al fatto che il Padre celeste tratta i suoi figli in modo ancora più amorevole e attento di quanto possiamo fare noi umani. Non sempre riusciamo a fare la cosa giusta, ma il tenore di base è solitamente positivo. Ma Dio come Padre celeste vuole sempre il meglio per i suoi figli (Romani 8:28).

La (altra) risposta di Dio

Quando sentiamo le parole di Gesù, nonostante tutto l'ottimismo della dichiarazione, è difficile crederci davvero. Perché l'esperienza mostra piuttosto il silenzio di Dio. Dio non è una macchina dei desideri. La gente prega Dio, forse anche lo invoca, ma purtroppo non risponde. Questo può portare ad allontanarsi da Dio. Perché come può Gesù fare tali affermazioni e dire che il Padre celeste fa del bene a coloro che glielo chiedono, se questo non corrisponde affatto al mondo della vita e dell'esperienza?

Questa visione deriva soprattutto dal fatto che l'ascolto di Dio si limita solo alla realizzazione concreta di un desiderio. Tutto il resto è dichiarato come male. Che il desiderio si realizzi in modo diverso o non si realizzi affatto. Spesso una risposta alla preghiera, soprattutto se si rivela diversa dal previsto, non viene percepita come tale. Di solito ci si concentra solo su ciò che non viene risposto da Dio. Quello che fa in modo positivo, invece, non viene percepito. Il defunto arcivescovo della Chiesa d'Inghilterra, William Temple, lo riassumeva così: "Se prego, questo o quello accade per caso; se smetto di pregare, nulla accade per caso" . Proprio come i genitori sanno esattamente di cosa hanno bisogno i loro figli, il nostro Padre celeste sa esattamente di cosa abbiamo bisogno. Se Dio risponde a una preghiera in modo diverso dal previsto, è perché questo è meglio per noi che se esaudisse il nostro desiderio.

L'altra realizzazione del nostro desiderio non è ancora un ostacolo così grande. Ma il fatto di non vedere esaudito il nostro desiderio fa vacillare la nostra fiducia in Dio. Ci fa dubitare di un Dio buono. Soprattutto quando siamo personalmente colpiti nel profondo. Nell'agosto 2017, ho ricevuto una telefonata da un amico. Con gioia ho risposto, ma quello che aveva da dirmi mi ha tolto il tappeto da sotto i piedi. Mi disse che il suo coinquilino, uno dei miei migliori amici, era morto in un incidente stradale mentre era in vacanza negli Stati Uniti. Questa notizia mi ha lasciato sotto shock. Sono stato profondamente colpito e rattristato. In questa situazione, ho gridato a Dio in preghiera. L'ho accusato. Ho bussato alla sua porta, sperando che potesse rendere questa notizia non vera. Ho chiesto a Dio di spiegarmi perché. Ma questo non è successo fino ad oggi. Ancora oggi, è un mistero per me perché il mio collega sia morto a 24 anni. Molte spiegazioni finiscono nel vuoto. Anche se questo è il caso, sono anche convinto che Dio può anche dire di no a volte. Ma questo no non è meno amorevole di un sì. Questa tensione deve essere sopportata. Per me, la perdita è stata estremamente difficile, ma ho anche notato come la mia vita è cambiata da allora. Ho avuto un cambio di prospettiva. A posteriori, ho potuto riconoscere, anche attraverso il dolore, ciò che è scritto nella Lettera ai Romani: "E noi sappiamo che per coloro che amano Dio e gli appartengono secondo la sua volontà, tutto porta al bene" (Romani 8:28 NLB).

Quando il nostro chiedere, cercare e bussare non si avvera, ci lascia con domande senza risposta e spesso ferite. Ma forse è anche perché stiamo chiedendo la cosa sbagliata. Michael Herbst lo mette splendidamente nel suo sermone su questo passaggio. "Proviamo così: la promessa di Gesù non si applica a tutto ciò che ci aspettiamo da Dio! Ma se cerchiamo Dio stesso, allora lo troveremo. Se gli chiediamo la sua vicinanza, non la chiediamo mai invano. Quando bussiamo alla sua porta, forse timidamente e per la prima volta, non ci viene sbarrata. Dio apre la porta e noi guardiamo un volto radioso. Dio ci guarda e ci chiama ridendo: "È bello che tu sia venuto! Prego! Vediamo cosa posso fare di buono per te".

Dall'inizio di nuovo

Per comprendere questa chiamata alla preghiera, bisogna tenere presente il Padre Nostro. Questo risuona sempre da qualche parte. Soprattutto con questioni così difficili. Perciò preghiamo il nostro Padre in cielo che sia fatta la sua volontà, non la mia. Gesù ha introdotto questa preghiera nello stesso discorso. Anche nel Vangelo di Luca è elencato questo discorso di chiedere. Ma invece di parlare semplicemente di una buona azione, essa viene personificata. "Ma se anche voi peccatori sapete fare del bene ai vostri figli, quanto prima il Padre vostro che è nei cieli darà lo Spirito Santo a coloro che glielo chiedono" (Luca 11:13 NLB). Lo Spirito Santo è buono in persona. Lui è l'aiutante, il consolatore, il sostituto. Dio come Padre amorevole non ci toglie semplicemente da una situazione o ci lascia soli in essa, ma mette lo Spirito Santo al nostro fianco. Se troviamo difficile questo cambio di prospettiva, allora possiamo pregare la seguente preghiera con Charles Haddon Spurgeon. "Signore, voglio pensare più a te che alla mia preghiera; più a tuo Figlio che alla mia fede; più al tuo Spirito Santo che a tutti gli altri tuoi buoni doni".

Dio ci incontra come un Padre amorevole. Un tale padre vuole solo il meglio per i suoi figli. Ma questo significa anche che egli trattiene certe cose ai suoi figli. Li protegge da certe cose e permette che ne accadano altre perché imparino da esse. Un padre amorevole non è poco amorevole nel porre dei limiti ai suoi figli. No, mostra persino il suo amore per i bambini facendo così. Tuttavia, non toglie ogni ostacolo dalla strada, perché altrimenti i bambini non diventeranno persone mature. Dio è allo stesso modo.

In una storia che Gesù racconta, il lato del Padre amorevole è particolarmente evidente. È la parabola del figliol prodigo (Luca 15:11-32). Questa storia ci mostra molto della prospettiva di Dio e può essere un aiuto per lasciare la prospettiva terrena. Un giovane vuole vedere qualcosa del mondo e per questo riceve un'eredità anticipata da suo padre. Con i soldi sparisce e sperpera tutto. Dopo che i soldi sono spariti, lo stesso vale per i suoi amici. Così cerca un lavoro e lo trova come operaio a giornata. Lì guadagna così poco che riesce a malapena a mantenersi in vita. In questa situazione, si ricorda del suo gentile padre, che tratta bene anche i lavoratori meno istruiti. Decide quindi di tornare da lui. Vuole lavorare per suo padre come operaio. Così si mette a bussare alla porta di suo padre. Per il nostro argomento del sermone di oggi, la rezione del padre è molto emozionante.

"Così tornò a casa da suo padre. Era ancora lontano quando suo padre lo vide arrivare. Pieno d'amore e di compassione, corse incontro a suo figlio, lo abbracciò e lo baciò" (Luca 15:20 NLB). Suo padre lo vede da lontano. Non chiude le porte a chiave né manda qualcuno a mandarlo via. No, corre verso suo figlio a braccia aperte. Nella cultura dell'epoca, correre non era appropriato per un padre. Soprattutto non per qualcuno che possedeva una proprietà. Solo i bambini o i lavoratori correvano. Questo lo mette sullo stesso piano del suo figlio impoverito. Il padre lo riceve come un padre amorevole e lo accoglie.

Questo Padre amorevole è lo stesso di cui Gesù ha parlato all'inizio. Vuole fare del bene a voi. Anche se questo va oltre la vostra immaginazione. Questo Padre in cielo ti sta aspettando. Che tu chieda, cerchi e bussi alla sua porta. Cosa ti ferma?

Possibili domande per il piccolo gruppo

Leggere il testo biblico: Matteo 7:7-11

  1. Che ne dici di chiedere, cercare e bussare alla porta di Dio nella tua vita?
  2. Dov'è che Dio ti ha deluso non agendo come avevi sperato?
  3. Come hai già sperimentato l'opera di Dio nella tua vita? Dove è venuto fuori ancora meglio di quello che avevi chiesto?
  4. Cosa ti impedisce di chiedere a Dio, di cercarlo e di bussare alla sua porta?
  5. È il tuo turno di bussare alla porta di Dio e lasciarlo entrare nella tua vita?