Ostacoli sulla via del buon carattere

Data: domenica, 12 settembre 2021 | Predicatore:
Serie: | Testo biblico: Matteo 6:5-8

La parte centrale del Discorso della Montagna riguarda la preghiera. La preghiera è anche la chiave per trasformare una persona nell'esempio di Gesù Cristo. Gesù menziona due ostacoli sulla via del buon carattere: l'ipocrisia e le prestazioni pie. Se cadiamo preda di questi, il nostro carattere sarà corrotto. Dalla relazione padre-figlio con Dio viene la liberazione e la trasformazione.


Il filosofo greco Aristotele insegnava che chi vuole coltivare il suo carattere deve avere un obiettivo. Poi è necessario allenare le virtù che portano a questo obiettivo. Le virtù devono essere praticate fino a diventare abitudini interiorizzate. Il Discorso della Montagna ci mostra la via biblica per un buon carattere secondo l'esempio di Gesù. Ma dove, secondo il modello greco, viene la pratica delle virtù, nel Discorso della Montagna segue la metà, il capitolo 6, che riguarda la preghiera. La chiave della nostra trasformazione sta nella preghiera. Ecco perché Paolo usa la voce passiva nel nostro versetto annuale"Siate trasformati nel vostro essere!la voce passiva". Si tratta in definitiva di ascoltare bene la musica di Dio per poterla ballare. Nel capitolo 6 ci vengono mostrate due alternative alla danza alla musica di Dio:

  • Danzare sulla musica del popolo o del proprio ego
  • E: Noi facciamo la musica e gli dei dovrebbero ballare per essa.

Entrambi i tipi di gioco si rivelano essere ostacoli sulla strada verso un buon carattere. Una volta che siamo approdati su uno di questi sentieri, è necessaria la liberazione.

Agire

"E ora la preghiera. Quando pregate, non siate come gli ipocriti che amano pregare in pubblico agli angoli delle strade e nelle sinagoghe dove tutti possono vederli. Ve lo assicuro: Questa è l'unica ricompensa che riceveranno mai" (Matteo 6:5 NLB). In Matteo 6, Gesù attira la nostra attenzione su tre pratiche classiche della pietà ebraica: l'elemosina, la preghiera e il digiuno. Gesù critica coloro che mostrano pubblicamente queste pratiche religiose. Fanno l'elemosina, pregano e digiunano per essere notati e rispettati. Vogliono assicurarsi l'onore e la reputazione. Gesù li chiama hypokritai, una parola che di per sé è usata in modo neutrale in relazione alla recitazione e al gioco di ruolo. Qui descrive le persone che fingono alle persone e a Dio attraverso le loro pratiche pie. Sono ipocriti. L'apparenza e la realtà si separano. Fingono che il loro sguardo sia su Dio, ma è sugli altri, in definitiva su se stessi. Guardano le reazioni degli altri e vogliono essere lodati. Sì, sperano persino in una ricompensa da parte di Dio.

Queste persone fingono di danzare alla musica di Dio, ma in realtà danzano alla musica delle persone che vogliono compiacere, e profondamente danzano alla musica del proprio ego. Questo tipo di pratica degli esercizi spirituali non solo impedisce la maturità spirituale, ma corrompe anche il carattere e questo ha un effetto su tutto il modo di vivere.

Ecco quanto velocemente ci blocchiamo noi stessi nell'ipocrisia:

  • Ci mettiamo in cerchio a pregare ad alta voce. Mi sento formulare espressioni e intenzioni che hanno poco significato nella mia vita di preghiera personale. Ma suona bene e mostra un'alta spiritualità.
  • In chiesa mi viene chiesto come affronto la mia malattia. "Grazie, mi sento sostenuto dalle preghiere della comunità. "In realtà, si stanno aprendo grandi voragini.
  • In certi ambienti sottolineiamo l'importanza che tutte le persone ascoltino la buona notizia. Ma nella spiritualità personale non ha importanza.

Ogni essere umano ha il desiderio di riconoscimento e apprezzamento, di accettazione e onore. Attraverso i propri successi e mostrando questi successi, l'ipocrita vuole ottenere un riconoscimento dove non c'è nulla da ottenere. Invece di concentrarsi indirettamente sull'Unico in cielo, l'ipocrita strizza gli occhi alle persone e cerca la loro approvazione. Invece di lasciarsi cadere nella mano del Padre del cielo, l'ipocrita costruisce lo spettacolo della propria pietà. Il risultato è fatale, perché la pia ipocrisia coltiva i vizi che generano un cattivo carattere. Sono in gioco l'onestà, la trasparenza e l'integrità.

Gesù chiarisce la questione del salario con le seguenti parole: "[...] vi assicuro: Questo è l'unico salario che riceveranno mai" (Matteo 6:5 NLB). In altre parole, gli ipocriti devono essere soddisfatti con il riconoscimento e l'apprezzamento delle altre persone e non otterranno questi bisogni elementari di base soddisfatti dal Padre. Questa carenza combinata con molta delusione nella preghiera può davvero rovinare la fede in Gesù Cristo.

Pii risultati

"Non parlate tra di voi quando pregate, come fanno le persone che non conoscono Dio. Pensano che le loro preghiere saranno ascoltate se solo ripetono le parole abbastanza spesso" (Matteo 6:7 NLB). Per le persone che non conoscono Dio, c'è il termine Gentili. Questa è gente che non conosce il Dio d'Israele. Nell'Antico Testamento c'è un esempio di come questi pregavano. Il profeta Elia tenne una gara sul monte Carmelo per determinare se il Signore, il Dio di Israele, o Baal, il Dio dei Gentili, fosse il vero Dio. Elia spiega le regole del gioco:"Prendi due tori. I profeti di Baal devono sceglierne uno, tagliarlo a pezzi e stenderlo sul legno, ma senza dargli fuoco. Preparerò l'altro toro e lo metterò sul legno, ma non gli darò nemmeno fuoco. Allora tu invocherai il nome del tuo dio e io invocherò il nome del Signore. Il Dio che risponde con il fuoco è il vero Dio! E il popolo rispose: "Questo è buono" (1Re 18:23,24 NLB). Prima pregavano i 450 sacerdoti di Baal."Poi per tutta la mattina invocarono il nome di Baal: Baal, rispondici! Ma non arrivò nessuna risposta. Poi danzarono intorno all'altare che avevano costruito" (v.26 NLB). Elia allora prega:"Signore, Dio di Abramo, Isacco e Giacobbe, mostraci oggi che tu sei Dio in Israele e che io sono tuo servo e ho fatto tutto questo per tuo ordine. Rispondimi, Signore! Rispondimi perché questo popolo sappia che tu, Signore, sei Dio e che hai riconquistato i loro cuori". (V.36+37 NLB).

I pagani cercavano di far agire il loro Dio con i loro pii esercizi. A volte il pensiero pagano si annida anche in noi. Si rivela, per esempio, quando qualcuno commenta il destino di un altro e dice:"Ora quello era un cristiano così esemplare ed era sempre fedele nella chiesa. "A volte nei seminari di preghiera, di guarigione o di liberazione le persone sono formate secondo il motto: Se si fa tutto bene e si trova la parola giusta, il miracolo avverrà.

Anche se non si tratta di una pia conquista, troviamo comunque l'aspetto della perseveranza nella Bibbia. Sì, dobbiamo perseverare nella preghiera e tormentare il cielo. Se un bambino vuole un set Lego un giorno e uno skateboard il successivo, e poi un gioco per PC, i genitori difficilmente risponderanno. Siamo felici di accogliere le richieste insistenti dei bambini. Lo stesso vale per Dio. Fredy Staub:"Io faccio PUSH: pregare finché non succede qualcosa. "Dobbiamo chiedere con insistenza, ma essere consapevoli:"Non siate come loro, perché il Padre vostro sa esattamente di cosa avete bisogno ancor prima che glielo chiediate!" (Matteo 6:8 NLB).

Con questo ostacolo, pretendiamo che Dio debba essere svegliato e mosso dalle nostre preghiere. Si potrebbe quasi dire: noi facciamo la musica e gli dei dovrebbero ballarci sopra.

Liberazione

In Matteo 6, la parola Padre ricorre dodici volte. La liberazione da una o entrambe queste due vie sbagliate è il frutto della relazione con il"Padre del cielo che sa di cosa abbiamo bisogno" (cfr. Matteo 6:8, 32). Al centro di questa relazione con il Padre c'è la conversazione con Lui, la preghiera. Ecco perché questa sezione è seguita dalla preghiera del Padre Nostro. La nostra relazione col Padre è la base e il centro di ogni metamorfosi in un buon carattere sull'esempio di Gesù.

Padre nostro che sei nei cieli! La preghiera si apre con l'indirizzo molto intimo e personale papà. Attraverso la fede in Gesù Cristo siamo adottati come figli di Dio e ci viene dato il diritto di rivolgerci al dominatore e creatore di questo mondo come papà. La preghiera non è un servizio che dobbiamo rendere a Dio, ma un canale attraverso il quale il suo amore scorre verso di noi. La preghiera è l'accesso all'esperienza che siamo al sicuro con il Padre. La preghiera non è prima un mezzo per risolvere i problemi. La preghiera è un mezzo per approfondire la relazione padre-figlio. La preghiera allarga il cuore finché non è abbastanza grande per ricevere il dono di Dio, il suo apprezzamento e la sua accettazione, persino se stesso.

Venga il tuo regno. Sia fatta la tua volontà come in cielo così in terra.. Dopo l'apertura molto personale, si chiarisce la questione di chi suona la musica. Il Padre in cielo non deve danzare sulla nostra musica, ma noi sulla sua.

Dacci oggi il nostro pane quotidiano. Su questa base dobbiamo pregare - anche insistentemente - per i nostri bisogni, sapendo sempre che lui sa già di cosa abbiamo bisogno.

E rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori. E non cadiamo in tentazione, ma liberaci dal male. Dovremmo anche lasciare che la nostra vita spirituale sia inondata dalla Sua luce e discutere con Lui. Abbiamo bisogno del Suo sostegno, della Sua presa, per maturare nel nostro cristianesimo.

Perché tuo è il regno, la potenza e la gloria nei secoli dei secoli.. La nostra vita di preghiera dovrebbe portare alla lode. Quando abbiamo incontrato il papà celeste, non vogliamo e non possiamo fare altrimenti. Coloro che hanno veramente incontrato Dio cadono in ginocchio e adorano.

Gesù lo dice chiaramente nel Discorso della Montagna: senza la preghiera, intesa come coltivare una relazione con il Padre del cielo, non c'è una sana metamorfosi. Gli ostacoli menzionati, l'ipocrisia e le prestazioni pie, corrompono il carattere. Corrie ten Boom disse una volta:"Un santo in ginocchio può vedere più lontano di un filosofo in piedi". "In relazione alla nostra trasformazione nell'immagine di Gesù Cristo, riformulerei la citazione come segue: Un cristiano in ginocchio diventa più simile a Gesù che Aristotele in piedi.

 

Paolo dice:"Gesù Cristo ha dato se stesso per noi, per redimerci da ogni ingiustizia e purificare a sé un popolo da possedere, zelante di buone opere" (Tito 2:14 LUT). La base delle buone virtù e del buon carattere è ciò che Gesù ha fatto per noi. Perciò, ogni metamorfosi inizia con una svolta cosciente verso Gesù Cristo. Ha fatto tutto. Diventando uno con Lui, ne prendiamo parte. Tutte le prestazioni pie e l'ipocrisia non sono più valide.

 

 

Possibili domande per i piccoli gruppi

Leggi il testo della Bibbia: Matteo 6:5-8; cfr. 1 Re 18:1-40

  1. Qual è il significato del fatto che la preghiera (Padre Nostro) sia il centro del Discorso della Montagna? Cosa significa specificamente in termini di virtù e formazione del carattere?
  2. Perché l'ipocrisia è un ostacolo sulla via del buon carattere? Dove si rischia l'ipocrisia?
  3. Perché la pia prestazione è un ostacolo sulla via del buon carattere? Dove si trova il pericolo di una performance pia?
  4. Che significato ha la preghiera se il Padre del cielo sa in anticipo di cosa abbiamo bisogno? Quale potrebbe essere il centro della preghiera in questo caso?