Abentüür Gebät

Abentüür Gebät - non è una contraddizione in termini? Un'avventura toglie il fiato, ma la preghiera è piuttosto noiosa. O così si pensa!

Tuttavia, quando ci si rende conto che pregare non è altro che comunicare con il Creatore dell'universo, il Re dei re, il Padre celeste, si rimane senza fiato. Che sia gioia o frustrazione, successo o fallimento - Dio ha sempre un orecchio aperto e una buona parola.

Quest'anno ci immergeremo più profondamente in questa avventura e conosceremo e apprezzeremo modi molto diversi di pregare. Rivolgersi a Dio come "nostro Padre" è una cosa importante!

Alla fine della preghiera Padre nostro, si passa all'adorazione. "Perché tuo è il regno, la potenza e la gloria nei secoli dei secoli". Questo non è solo il caso in questa preghiera, ma anche in molti altri luoghi della Bibbia - e potrebbe diventare un'abitudine di vita. Oggi è il 30 dicembre. Se avete ancora aperte le risoluzioni del nuovo anno dallo scorso gennaio, rimangono circa 30 ore. Se la tua risoluzione era di smettere di mettere le cose sul...
Senza un incontro personale con Dio, il Natale rimane solo una favola e la fede personale insipida e poco attraente. Per cambiare questo, Dio si è fatto umano nella persona di Gesù e si è reso toccabile, visibile, udibile e tangibile. Attraverso un incontro con Dio, l'Avvento diventa un'avventura! Se si estende la parola Avvento con le tre lettere u-r-e, significa avventura. Il nostro tema dell'anno è "Abentüür Gebät". La preghiera diventa un'avventura quando si tratta di un incontro con Dio, che è anche...
A nome di Dio, egli indica la nascita di un sovrano potente e senza precedenti. Isaia lo descrive con quattro nomi accattivanti. Un Messia che si adatta anche 1:1 alla nostra attuale oscurità. Il Natale è una festa di luci unica! Le luci che brillano nei giardini e sui balconi sono impressionanti; ma con slitte, renne e pidocchi sami, hanno poco a che vedere con Betlemme. A Bettwil, passiamo davanti a una casa con un giardino trasformato in un mondo di luci. Lì si fa un passo...
La riforma del re Asa è un'utile illustrazione di come possiamo rendere la nostra porta alta e la porta larga per ricevere il re di tutti i regni. Questo sermone è specificamente indirizzato ai cristiani la cui vita di fede è diventata tiepida e che desiderano più eccitazione, riposo e pace attraverso Gesù Cristo. L'Avvento è un tempo adatto per prepararci alla venuta di Gesù.
Le preghiere di Line Bus ci fanno sperimentare che Dio può essere cambiato. Con le preghiere in mongolfiera, noi stessi sperimentiamo un cambiamento. In ogni caso, le preghiere hanno il potere di cambiare Dio, il mondo e noi stessi! Ma le preghiere non servono principalmente a risolvere i problemi, ma ad approfondire la nostra relazione con il Padre celeste.
Il Brennende Berg (356,7 m sul livello del mare) è una collina boscosa al confine delle città di Saarbrücken e Sulzbach. È sede di un filone di carbone fumante che ha preso fuoco nel 17° secolo e che brucia ancora oggi. Questi fuochi sotterranei ricordano qualcosa che si può vedere in molte persone - incluso me stesso: una vita interiore fumante che è difficile da soffocare ed erutta di tanto in tanto. Gesù Cristo è in grado di liberarci dalle nostre ferite, fissazioni e impronte ....
Liberaci dal male! Una petizione liberatoria e indispensabile per la preghiera comune! In un mondo turbolento, abbiamo bisogno di un tale indirizzo per fare rifornimento. Dio ha fiducia che possiamo raggiungere la nostra meta di fede anche in circostanze malvagie, perché non stiamo viaggiando da soli, ma insieme a Gesù e a molti altri credenti.
Il Libro di Giobbe ci dà una visione profonda del male, chi c'è dietro e come funziona. In modo molto impressionante, Giobbe vive come possiamo comportarci nei tempi bui per non diventare preda del male. Attraverso il suo aggrapparsi al Redentore ("Eppure so che il mio Redentore vive e avrà l'ultima parola su questa terra"), la sua fede fu innalzata ad un livello superiore e fu benedetto in modo impressionante.
Gesù fu messo alla prova dal tentatore nelle aree della popolarità, del possesso e del potere. Queste sono le tre aree che sono motori potenti anche nella nostra vita. Insieme alla paura, questo forma una spirale negativa: non si ha mai abbastanza. I tre consigli evangelici (castità, povertà e obbedienza) sono, in una certa misura, i freni che rendono possibile una buona gestione creativa di queste forze interiori.
C'è la tentazione sotto forma di prova e la tentazione sotto forma di seduzione. Con la sesta petizione della preghiera del Padre Nostro, preghiamo Dio di non cadere nella tentazione, di non cadere nella sua trappola. Questa petizione non riguarda l'ottimizzazione della nostra morale, ma il raggiungimento della meta - essere con Dio.
Gesù dice: la messe è grande, ma gli operai sono pochi. Come dobbiamo intendere queste parole di Gesù? Insieme vogliamo scoprire cosa significa il raccolto per noi oggi e qual è la nostra missione nel grande raccolto di Dio.
Abbiamo davvero bisogno del perdono come del pane quotidiano? Con la parabola del fariseo e dell'esattore delle tasse che pregano insieme nel tempio, Gesù mostra che ci sono due tipi di persone, quelle che sanno di essere peccatori e quelle che non lo sanno. Eppure riconoscere la propria vulnerabilità al peccato sarebbe la chiave per una vita serena e gioiosa con Gesù!
La Bibbia dice diverse volte che se ci rifiutiamo di perdonare gli altri, Dio non perdonerà neanche noi. Il perdono è molto unilaterale e ingiusto. Ma se osiamo, scopriremo che la relazione è abilitata e rinnovata.
"Niente è più vile della scusa; niente è più grande dell'ammissione della colpa" (Friedrich von Bodelschwingh). Come affrontiamo il nostro senso di colpa? Che ruolo ha la nostra coscienza? Perché Gesù ci insegna a pregare così?
Nella parabola della vedova mendicante, Gesù mostra che la preghiera persistente e determinata porta alla meta. La vedova ha avuto quello che le spettava. Quanto più le persone otterranno i loro diritti se si ostineranno a chiedere al loro Padre in cielo!
A volte il nostro pane quotidiano non ci sembra molto appetitoso - è difficile da digerire. Come possiamo affrontare un pane così duro e persino maturare attraverso di esso, lo impariamo da tre uomini coraggiosi.
"Quotidianamente" e "oggi" esprimono che non dobbiamo chiedere al Padre del cielo le provviste, ma le necessità quotidiane. Se viviamo sempre nel domani, ci creiamo molte preoccupazioni inutili. Il sermone ci sfida ad essere interi davanti a Dio ora - e saremo benedetti!
"Prega sempre e in ogni situazione con la forza dello Spirito Santo. State all'erta e pregate anche continuamente per tutti coloro che appartengono a Cristo" (Efesini 6:18). È notevole che questo versetto segue direttamente l'armatura spirituale. Perciò: è indispensabile che tu preghi! E tu non puoi fare a meno che gli altri preghino per te.
Quando accettiamo Gesù nella nostra vita, non è né trucco né mascotte né garanzia di una vita senza problemi, ma un potere che cambia la vita. Questo processo di cambiamento continua finché non raggiungiamo la meta della nostra fede.
Jabez pregava contro il suo stesso nome, che era una parola maledetta. Significa tormento e dolore! Anche se la preghiera suona un po' egocentrica, dice: E Dio lasciò venire ciò che aveva chiesto. Jabez si alzò contro la sua disposizione attraverso la preghiera. La preghiera ha cambiato la sua vita.
Ispirato dalla storia in Marco 8:14-28, questo sermone tratta il tema del dubbio. Esplora la questione di cosa sia il dubbio e come possiamo affrontarlo nella nostra vita di preghiera.
Si dice che la preghiera nel nome di Gesù abbia una percentuale di successo del cento per cento. Cosa significa per una persona pregare nel Suo nome ed essere un agente. L'empowerment perfetto consiste nella cura dello Spirito Santo e nell'influenza del nome di Gesù nel posto più alto.
Non dobbiamo continuare a chiedere: "Gesù, cosa vuoi che faccia? Qual è la tua volontà?". E poi si arrabbia quando non si sente nulla! No. Possiamo pianificare e decidere, ma è necessario e buono se siamo aperti a Dio, che potrebbe volerci dire cosa fare o correggerci.
Gesù non guariva solo le anime, ma persone intere secondo il corpo, l'anima e lo spirito. Vuole farlo ancora oggi attraverso i suoi alleati. Tuttavia, è innegabile che il nostro corpo - più invecchia - diminuisce. Al contrario dello spirito, che si rinnova di giorno in giorno. Come affrontiamo questa tensione?
La parabola del figliol prodigo è un'immagine del Vangelo e allo stesso tempo legata al Padre Nostro. Come si forma questo legame e cosa ha a che fare con il tema "Quando Dio tace" sarà l'argomento di questo sermone.
"Sia fatta la tua volontà" Non è un invito a lasciare semplicemente da parte la nostra volontà e i nostri desideri, ma a gestirli in modo responsabile. Perché questo è così e come questo può apparire nella pratica sarà l'argomento di questo sermone.
"Sia fatta la tua volontà come in cielo così in terra". Questa frase viene prima della richiesta di provviste ("Dacci oggi il nostro pane quotidiano"). Apparentemente è più importante che noi cresciamo in una relazione di fiducia più profonda con Dio che che Lui esaudisca tutti i nostri desideri.
Nella preghiera, possiamo uscire interiormente dai molti sguardi degli uomini e metterci sotto l'unico sguardo di Dio. Lì troviamo un modo di vivere profondamente liberato, senza pressione e pieno di forza. È la vita alla presenza di Dio, il luogo della libertà.
Cosa significa quando viene il regno di Dio? Il sermone vuole incoraggiare ad allearsi con Dio e a vedersi come un inviato per il regno di Dio in questo mondo. Possiamo aiutare a costruire il regno di Dio rendendo la parola di Dio una realtà.
Nel Salmo 13, Davide ci rende partecipi di come prega in tempi di crisi. Nel processo, lui stesso sperimenta una svolta positiva. Quali passi portarono Davide a questa svolta è l'argomento di questo sermone.
Nella preghiera che Davide dice nel Salmo 131, ci dà una visione profonda del segreto di un cuore tranquillo e pieno di pace. Tre nemici che devono essere sostituiti si frappongono a questa pace.
Un sermone pasquale sul triplice "La pace sia con voi" di Gesù ai discepoli che si erano chiusi nella paura. La resurrezione di Gesù ha il potere di aprire prima le porte del cuore e poi anche altre porte.
"Venga il tuo regno". Quella di Gesù nella preghiera che conosciamo come Padre nostro. Di quale regno parla Gesù, quale nervo colpisce i suoi contemporanei e che cosa ha a che fare, in definitiva, con noi è l'argomento di questo sermone.
Una seconda volta riguarda il modo di santificare il nome del nostro Padre in cielo. Attraverso l'adorazione. Ma l'adorazione è molto più che buoni sentimenti e belle canzoni. Si tratta anche di rendere grazie, lamentarsi e proclamare. L'adorazione è il senso stesso della nostra vita. La storia del re Giosafat da 2 Cronache 20 riunisce tutti gli aspetti dell'adorazione e ne mostra la bella conseguenza.
Questo sermone esplora la questione di cosa significa santificare il nome del nostro Padre in cielo. Inoltre, viene mostrata la connessione con il terzo comandamento "Non pronuncerai il nome del Signore tuo Dio invano".
Chi è il "Padre nostro", la persona a cui ci rivolgiamo nella preghiera? È un Dio che si presenta con quattro lettere (YHWH) che significano "suo". Il Padre in cielo ha il nome proprio "Colui che è" e molti altri nomi. Dio è così grande e così ampio che non è possibile catturarlo con un nome proprio. Questo lo limiterebbe e lo renderebbe tangibile. Ognuno dei suoi numerosi nomi mostra alcune caratteristiche di lui.
La forma di indirizzo nel "Padre nostro" è scritta in prima persona plurale. Gesù, che ha raccomandato questa preghiera per imitazione, aveva qualcosa in mente. Quando invochiamo il Padre del cielo dall'interno della comunità, sperimenteremo effetti potenti delle nostre preghiere.

Ascolta Dio

18 febbraio 2018
"Sia fatta la tua volontà!" Se lo vogliamo veramente, dobbiamo imparare ad ascoltare la voce di Dio. In comunità le cose vanno meglio e possiamo sostenerci a vicenda. Una forma di questo è la preghiera profetica.
Chi è in realtà il "Padre nostro che è nei cieli"? Con chi dice Gesù che dovremmo parlare? Da un lato, è il Padre vicino e dall'altro, abita nel cielo lontano. Come si relaziona l'amore di Dio con la sua santità? La nostra immagine di Dio ha una grande influenza sull'atteggiamento di base con cui preghiamo.
Inizio del tema del nuovo anno "Abentüür Gebät". Quando i suoi discepoli gli chiesero di insegnare loro a pregare, Gesù rispose con la "preghiera del Padre nostro". Questa preghiera fornisce la struttura per i sermoni del 2018. Oggi, l'obiettivo è quello di ottenere una panoramica iniziale.