Fare del bene e tacere

Data: domenica 29 agosto 2021 | Predicatore:
Serie: | Testo biblico: Matteo 6:1-4

Come seguaci di Gesù Cristo, siamo chiamati a fare del bene. Tuttavia, non dovrebbe trattarsi di essere lodati. L'amore per il prossimo e per Dio dovrebbe essere il motivo portante e sfociare in uno stile di vita di donazione.


Da qualche tempo sostengo finanziariamente una famiglia in India per il loro sostentamento. Quando ho visitato la famiglia nel gennaio 2020, ho pensato che mi avessero ringraziato per il mio sostegno. Così ho passato qualche giorno con loro e ho aspettato il loro Merci. Ma non è successo niente. All'inizio ero offeso, perché volevo che sapessero chi li finanziava, tra le altre cose. Ma improvvisamente ho capito che in realtà è fantastico se non sanno delle mie finanze. Questo è esattamente ciò di cui tratta il sermone di oggi.

"Fate attenzione! Quando fate del bene, non fatelo pubblicamente solo per essere ammirati. In questo caso, non dovete aspettarvi di essere ricompensati dal vostro Padre in cielo. Quando dai qualcosa a qualcuno che ha bisogno, non strombazzare come fanno gli ipocriti che si vantano delle loro buone azioni nelle sinagoghe e nelle strade solo per attirare l'attenzione! Ve lo assicuro: Questa è l'unica ricompensa che avranno in cambio. Quando dai a qualcuno, non dire alla tua mano sinistra cosa sta facendo la tua mano destra. Date in silenzio e il Padre vostro, che conosce tutti i segreti, vi ricompenserà" (Matteo 6:1-4 NLB).

Mettere in dubbio le proprie motivazioni

Gesù Cristo sta criticando una pratica comune qui. Fare del bene era all'ordine del giorno per gli ebrei. Ma non l'hanno fatto del tutto volontariamente. Perché agire con misericordia verso gli altri era richiesto ed era un comandamento. Questo comandamento è chiamato Zedekah. Gli ebrei sono obbligati a dare agli altri, anche se non devono loro nulla. Questo perché, come popolo eletto da Dio, gli è stato affidato molto da Lui, anche se non deve loro nulla. Pertanto, molte donazioni e cose caritatevoli non sono avvenute volontariamente, ma a causa della tzedekah. I capi religiosi di quel tempo, i farisei, dovevano quindi dare il buon esempio anche in questo settore della vita religiosa.

Non era raro che queste persone volessero distribuire le loro buone azioni a quante più persone possibile, poiché erano considerate persone molto timorose di Dio. Perciò, non appena iniziavano a distribuire denaro o cibo, alcuni suonavano le trombe. Da un lato, questo era un segno per i bisognosi che ora potevano venire, ma dall'altro, attirava sempre molti altri curiosi che osservavano le buone azioni dei farisei. Sarebbe certamente sbagliato metterli tutti insieme, ma per molti la motivazione risiedeva certamente nel corretto adempimento della Zedekah.

I seguaci di Gesù Cristo erano anche chiamati a fare del bene. "Allostesso modo, fate risplendere le vostre buone azioni davanti agli uomini, perché tutti le vedano e ne lodino il Padre vostro che è nei cieli" (Matteo 5:16 NLB). Oggi, i seguaci di Gesù sono ancora chiamati a fare del bene. Attraverso queste azioni, Dio in cielo è indicato e tutta la gloria è data a lui. Quindi, fare buone azioni fa parte della vita di un cristiano. A prima vista, questi due passaggi biblici sembrano contraddirsi a vicenda. Da un lato, non se ne deve parlare e dall'altro, si devono fare buone azioni per puntare a Dio in cielo. Questo porta ad una certa tensione. Ma ad un esame più attento, questa tensione si dissolve. Non solo queste due affermazioni si trovano nello stesso sermone di Gesù Cristo, ma si rivolgono anche a due cose diverse. Uno riguarda le motivazioni, l'altro riguarda i seguaci di Gesù Cristo che vengono riconosciuti dalle loro buone azioni. Le buone azioni dovrebbero essere una parte inseparabile della vita, ma non per essere lodati attraverso di esse.

Vediamo un esempio di un motivo sbagliato per dare nella chiesa primitiva. In Atti 5:1-11 c'è la storia di Hanania e Safira. Per me, questa storia rimane una delle storie più strane di tutto il Nuovo Testamento. Nella chiesa primitiva era comune per i membri della chiesa vendere alcuni dei loro beni per aiutare altri nella chiesa. Questa non era una condizione per appartenere alla chiesa. Anche dopo una vendita, ognuno era libero di donare quanto voleva alla chiesa. Hanania e Saffira si comportarono come se avessero donato tutti i proventi alla chiesa. Ma non è stato così, hanno tenuto una parte per loro. Per questo, entrambi furono puniti da Dio con la morte, perché non avevano detto la verità. Non si preoccupavano principalmente di fare del bene, ma volevano fare bella figura davanti a tutti ed essere onorati. Il loro motivo era egoistico e non per amore di Dio e del prossimo.

Guidati dall'amore

Come possiamo controllare perché gli altri vengono sostenuti? Come si può controllare il movente interno? Qual è l'orientamento di questa donazione? Sono profondamente convinto che tutto ciò che facciamo dovrebbe essere guidato dall'amore! "Se io dessi tutto quello che possiedo ai poveri e sacrificassi persino il mio corpo per essere onorato, ma non avessi amore, tutto sarebbe senza valore" (1 Corinzi 13:3 NLB). L'amore è ciò che conta. Anche tutti gli altri motivi possono non sembrare così male a prima vista. Ma uno sguardo più attento rivela che non si tratta veramente del prossimo e della sua sofferenza, anche se i motivi non sembrano così egocentrici.

Molte persone si impegnano in una grande varietà di cose, che si tratti di asilo, aiuto d'emergenza, protezione dell'ambiente o qualsiasi altra cosa. Lo fanno in modo molto esemplare e contribuiscono con molto tempo e denaro. Questo è molto ammirevole. Ma anche qui, il motivo non è necessariamente guidato dall'amore per le persone. Spesso tale impegno è fatto perché fa sentire meglio se stessi. Ma l'appello di Gesù Cristo che nemmeno la mano sinistra deve sapere dalla mano destra quello che si sta facendo dimostra che non è richiesto nemmeno il motivo di "sentirsi meglio".

L'amore dovrebbe spingerci a fare del bene. Ma quale amore si intende qui. La parola amore può essere intesa in molti modi. Amo mia moglie. Ma amo anche la Coca-Cola Zero e amo l'India. È subito chiaro a tutti noi che questa non è la stessa qualità dell'amore. Ma che tipo di amore dovremmo mostrare quando si tratta di fare del bene agli altri? Il greco ha diverse parole, tutte tradotte come amore in tedesco. Tutti significano amore, ma con un'enfasi diversa. In 1 Corinzi 13:3 agape sta per amore. Agape significa amore disinteressato. L'amore che si intende per l'amore di Dio per noi uomini, l'amore per il prossimo e l'amore per i nostri nemici.

 

Questo amore dovrebbe essere il motivo delle nostre azioni. Dio in cielo è un esempio per noi. Ci ha fatto un regalo pieno di devozione. "Dio non ha risparmiato nemmeno il proprio Figlio, ma lo ha dato per tutti noi ".E se Dio ci ha dato Cristo, non ci darà anche tutto il resto con lui?". (Romani 8:32 NLB). Coloro che hanno una relazione viva con Gesù Cristo sono sfidati da questo versetto. Come consideriamo i nostri beni? Come merito o come dono? Se i beni sono visti come merito, allora è anche chiaro che l'onore per tutto ciò che l'uomo fa con essi è anche suo.

I seguaci di Gesù Cristo, tuttavia, che vedono la loro ricchezza come un dono di Dio, sono liberi di usarla. Allora non è importante se ricevono un riconoscimento per le loro buone azioni. Poiché tutto è stato dato loro per grazia e per amore, hanno lasciato che gli altri condividessero i loro beni. Allora il riconoscimento sulla terra non è più necessario, ma basta sapere che Dio sa di questa azione. Ma questo non significa che siamo salvati a causa delle nostre azioni. Questo lo siamo solo per grazia, ma questo a sua volta ci porta ad agire noi stessi con grazia.

Dare come stile di vita

In linea con il tema dell'anno, Metamorfosi, il tema delle buone azioni riguarda anche l'essere trasformati in donatori gioiosi. "Ognuno di voi deve decidere da solo quanto vuole dare .Ma non date a malincuore o sotto costrizione, perché Dio ama chi dà volentieri" (2 Corinzi 5:7 NLB). Non che diamo perché dobbiamo dare, ma perché ci piace. Non per motivi sbagliati, ma per amore del prossimo e di Dio. Questo solleva anche la questione di come immaginiamo questo cambiamento. Quando si tratta di diventare più simile a Gesù Cristo, spesso vorrei che potesse accadere da un momento all'altro. Naturalmente anche questo è possibile. Tuttavia, lo stesso vale per un processo di cambiamento che si applica a un corso di studi, per esempio.

Ho studiato per un totale di sei anni, ripetendo le cose più e più volte. Se vogliamo cambiare le cose nella nostra vita, il tempo e la ripetizione sono di solito indispensabili. È lo stesso con l'argomento di oggi. Più pratichiamo uno stile di vita generoso, più diventa naturale. Già cinquecento anni fa Martin Lutero diede il seguente consiglio : "Chi vuole fare del bene deve farlo con generosità! (Martin Lutero). Più buone azioni facciamo, meno conta l'azione individuale e meno ne parliamo.

Fare del bene e tacere su di esso. Questo è l'invito che il sermone di oggi invia anche a voi. È importante essere all'altezza di questa sfida. Per Gesù Cristo, la quantità di denaro data non è importante. Si tratta soprattutto dell'atteggiamento interiore di colui che dà."Mentre Gesù era nel tempio, guardava i ricchi mettere le loro offerte nella cassetta delle offerte .Poi venne una povera vedova e mise due piccole monete. "Vi assicuro", disse, "questa povera vedova ha dato più di tutte le altre". Quelli infatti non davano che una parte della loro abbondanza, ma lei, povera com'è, dava tutto quello che aveva" (Luca 21:1-4 NLB). Si tratta di un cambiamento di atteggiamento verso tutti i beni. Non si tratta di demonizzare le possessioni, ma di mettere le possessioni nella giusta luce.

Vorrei chiudere questo sermone con una storia raccontata da Gesù Cristo. Dare dovrebbe diventare così naturale per un seguace di Gesù che il dare non è più percepito come tale. Così forse un giorno alcuni di noi saranno salvati da Dio con il seguente ragionamento.

 

 

 

Perché avevo fame e tu mi hai dato da mangiare".Avevo sete e tu mi hai dato da bere. Ero un estraneo e tu mi hai invitato in casa tua. Ero nudo e tu mi hai vestito. Ero malato e tu mi hai curato. Ero in prigione e mi avete visitato". Allora questi giusti chiederanno: "Signore, quando mai ti abbiamo visto affamato e ti abbiamo dato da mangiare? Quando ti abbiamo visto assetato e ti abbiamo dato da bere? Quando sei stato uno straniero e ti abbiamo ospitato? O quando eri nudo e ti abbiamo vestito? Quando mai ti abbiamo visto malato o in prigione e ti abbiamo visitato?" E il re risponderà loro: "Ve lo assicuro: Tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli e sorelle più piccoli, l'avete fatto a me!". (Matteo 25:35-40 NLB).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Possibili domande per il piccolo gruppo

Leggere il testo biblico: Matteo 6:1-4; 1 Corinzi 13:3

  1. Dove sperimenti nella tua vita la tensione tra fare buone azioni e non parlarne?
  2. Quali sono i tuoi motivi per dare? Dove trovi più difficile fare del bene senza riconoscimento?
  3. Le tue azioni sono guidate dall'amore? Come sperimenti l'amore di Dio nella e sulla tua vita? Come potete imparare ad agire in base a questo amore?
  4. Vedete i vostri beni come guadagni o come doni? Come si manifesta questo nel modo in cui lo affronta?
  5. La sua vita è caratterizzata da uno stile di vita generoso? Cosa si può fare concretamente per allenare un tale stile di vita?